Quando è possibile presentare un modello 730 integrativo? A chi ci si può rivolgere per presentarlo e con quali modalità? Entro quando? Ecco le risposte a tutte le principali domande relative al modello 730 integrativo.

 L’Agenzia Entrate, con la circolare 8/E del 7 aprile 2017, ha ufficializzato i chiarimenti resi in occasione di Telefisco 2017 sulle principali novità introdotte dall’ultima legge di stabilità e dal decreto fiscale in materia di cedolare secca. Ecco per voi una sintesi.

Per le imprese individuali e le società in contabilità semplificata dal 2017 si passerà dal criterio di competenza al criterio di cassa. L’imponibile sarà dunque rappresentato dalla differenza tra l’ammontare dei ricavi e degli altri proventi percepiti nel periodo di imposta e l’ammontare delle spese sostenute nello stesso periodo nell’esercizio dell’attività di impresa. Entrano nel conteggio dei ricavi anche il valore normale dei beni destinati al consumo personale o familiare dell'imprenditore.

È stato prorogato il superammortamento del 40% per investimenti in beni strumentali nuovi effettuati entro il 31 dicembre 2017, oppure entro il 30 giugno 2018 a condizione che entro il 31 dicembre 2017 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.